ECONOMIA E LAVORO

pexels-sora-shimazaki-5673502.jpg

È necessario creare le condizioni per offrire alle aziende spazio per crescere, per attirare nuove attività imprenditoriali attraverso il marketing territoriale, per dare supporto alle politiche attive del lavoro e alla formazione, tutelando le categorie più deboli o indebolite dalla crisi pandemica: i giovani, le donne, i disoccupati.

 

Le condizioni che possono rendere determinante il ruolo del Comune in un ambito non di sua diretta competenza sono:

  • la capacità di dialogare con autorevolezza con gli enti (p.e. AFOL), con le associazioni che forniscono servizi qualificati e con le parti sociali;

  • l’agire da facilitatore e attivatore di risorse, per esempio attraverso la Consulta del Lavoro;

  • la capacità di lavorare per progetti, con valutazione degli obiettivi e misura dei risultati, e di reperire finanziamenti per attivarli.

 

Il Comune potrà valorizzare programmi già esistenti, come i servizi di AFOL Metropolitana destinati a imprese e occupazione (consulenza su stage, apprendistato, sicurezza, creazione e riconversione aziendale, orientamento e ricerca lavoro, formazione). Potrà attivare enti o associazioni disponibili a seguire progetti “finanziabili” per sostenere chi cerca lavoro, attraverso offerte micro-formative e motivazionali, e per allargare i servizi alle imprese con iniziative consorziali in ambiti come innovazione (Smart City), energia (Smart Land), commercio (Città a 15 minuti).

Leggi la scheda completa

Scarica il programma